Gianfranco Ferrè: Primavera Estate 2013

_vie0491_1366x2048_jpeg_1348501897.jpeg$min$550$0$$$_vie0171_1366x2048_jpeg_1348501911.jpeg$min$550$0$$$_vie0215_1366x2048_jpeg_1348501909.jpeg$min$550$0$$$

Stefano e Federico Piaggi Chitrona, direttori creativi di Gianfranco Ferré, hanno presentato a Milano una collezione per la primavera Estate 2013 dove non manca il motivo classico della camicia bianca da sempre un must nelle sfilate firmate Gianfranco Ferrè. Destrutturata e reinterpretata ma rigorosamente bianca, la camicia, è abbinata a shorts e gonne nere dalla linee semplici, rigorose quasi geometriche. Due sono i colori ricorrenti: bianco e nero emblematici del minimalismo più assoluto. I tessuti sbalzano da rigidi taffetà a chiffon leggeri in contrasto creando giochi di trasparenze; ma non mancano inserti in lussuosa pelle di pitone color ghiaccio.

Ogni forma di decorativismo viene eliminata per lasciare spazio all’essenzialità degli abiti. Unico ornamento nei vari look sono le cinture che inaspettatamente richiamano motivi ornamentali dell’antica Grecia in netto contrasto con la semplicità dei capi. Altra variante è una ricorrente cintura molto semplice annodata in modo innovativo, un nodo a “T” potremmo definirlo. Il tutto finalizzato a sottolineare una tendenza ad alzare il punto vita che rimane alto anche per le prossime stagioni sia per shorts che gonne a portafoglio definite da tagli netti.

ferre04


Altro sorprendente dettaglio è la scelta dell’hair stylist che raccoglie i capelli delle modelle in code basse molto semplici ed eleganti rese particolari da una doppia riga centrale che incornicia il viso dividendolo in tre parti. Più precisamente in tre triangoli e qui, la geometria, continua espandendosi dai capi alle acconciature per creare un total look minimal, rigoroso e geometrico. Il viso è curato con un make up semplice ma d’effetto: toni naturali per zigomi e labbra e smokey sulle sfumature del bronzo per gli occhi che intensifica lo sguardo.

Una collezione degna di continuare quella linea di sperimentazione, innovazione e reinterpretazione del classico rispettando l’anima del suo originario designer: l’architetto della moda.

53371196_650

Autore dell'articolo: Alice Bassoli

Sono Alice, studentessa in Tecniche e Culture di Moda e blogger (http://alicestylediary.com/). La mia passione per la moda e tutto ciò che riguarda il fashion system l'ho consolidata nel tempo fino ad intraprenderne degli studi specifici nel settore. Amo la moda con tutte le sue sfumature ed è proprio tramite FashionLOUD che voglio trasmettere la mia passione ai lettori scrivendo articoli che parlino delle ultime tendenze, degli ultimi must have, di sfilate, di eventi e novità nell'universo del fashion. Non è sempre scontato capire cosa accade nell'emisfero del fashion attorno a noi, quindi scrivo i miei pezzi con l'obiettivo di inserire citazioni e richiami alla storia della moda e del costume, riferimenti all'arte contemporanea e alla fotografia per comprendere al meglio le nuove tendenze e i nuovi stili che si affacciano; come essi siano frutto d'ispirazioni dal passato o recupero del passato stesso. Buona lettura! Seguiteci! Alice B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *