L’importanza della qualità nella scelta di una buona piastra

prima e dopo lisciaturaChiunque ama curare il proprio aspetto conosce l’importanza di una chioma in salute, ben curata e lucente. I capelli sono la cornice naturale del viso, e lo mettono in risalto. Sfortunatamente non tutti riusciamo a sistemarli perfettamente al primo colpo al mattino, prima di andare a lavoro o a scuola. I capelli stressati, secchi e crespi sono difficili da domare, e per quell’aiuto extra ci rivolgiamo alla piastra, che li liscia e ci permette di avere in fretta un look più ordinato.
La buona qualità di una piastra per capelli non solo è importante per ottenere un risultato piacevole e duraturo, ma soprattutto per preservare i capelli dallo sciuparsi, dalla perdita del loro tasso d’umidità naturale e dal divenire stopposi e spenti. La qualità d’insieme di una piastra può variare in molti modi, è influenzata dalla qualità dei materiali e delle resistenze elettriche al suo interno, dalla sua misura e dalle dimensioni e da come viene usata. Alcune piastre sono più semplici da usare perché dotate di timer, regolazione elettronica del surriscaldamento e selezione della temperatura, pratici strumenti che ci permettono di proteggere il capello da un’esposizione al calore troppo prolungata ed aggressiva.
Per l’acquisto di una piastra che decidiamo di usare più volte la settimana è meglio rivolgerci a tipi di piastre professionali o semi-professionali, che oltre a possedere gli utili regolatori di temperatura, si basano su un’emissione ionizzante o su trattamenti alla cheratina, e lasciano il capello quasi indenne. Il sistema agli ioni permette un parziale reintegro dell’umidità naturale presente nel fusto del capello, in questo modo non solo il risultato della piega liscia è più piacevole al tatto e duraturo, ma il capello è preservato dalla secchezza eccessiva a cui spesso va incontro con l’uso abituale di piastre. Le piastre comuni e troppo economiche che si trovano spesso in commercio, dotate di sola placca metallica e senza sistema di spegnimento automatico, spesso non hanno una buona scorrevolezza e le scaglie cheratiniche del capello rischiano di aprirsi proprio a causa dell’attrito. In questo modo si innesca un circolo vizioso: più si utilizza la piastra incriminata e più i capelli saranno crespi, e ciò porterà a un nuovo utilizzo.
Per questo motivo è bene assicurarsi sempre che la piastra sia di buona qualità e di buona fattura, con i marchi di sicurezza in regola, e adatta alle nostre esigenze.

Tormalina, ceramica o titanio?

Le piastre sono realizzate in molti materiali diversi: archiviati gli anni Novanta con le loro discutibili piastre metalliche, un’era di nuove tecnologie si è aperta nel settore: un’era di materiali che si scaldano raggiungendo anche alte temperature ma riuscendo ad essere delicate sul capello, senza aggredirne la struttura. A queste piastre di nuova generazione si abbinano spesso meccanismi anti-elettrostatici che aiutano la chioma a restare in piega senza elettrizzarsi e divenire crespa, o materiali con una funzione autolucidante del capello.
Davanti a tanti materiali come ci possiamo orientare nella scelta? É facile.

Tormalina

piastra in tormalinaLa tormalina è una pietra dalle qualità preziose, impiegata nelle piastre professionali che ora vanno per la maggiore. Questo tipo di piastra, combinata con sistema ionizzante, è in grado di rilasciare migliaia di ioni negativi che intervengono andando a chiudere le cuticole per ottenere un liscio spettacolare, impossibile da ottenere con le piastre tradizionali di appena pochi anni fa.

Titanio

Una piastra in titanioLe piastre in titanio sono più adatte a chi ha capelli già tendenzialmente lisci. Tra i vantaggi di questo materiale c’è la rapidità d’esecuzione rispetto alla piega con altri tipi di piastra, perché il metallo convoglia il calore molto velocemente. Questi modelli si stanno diffondendo molto rapidamente sul mercato, tuttavia c’è chi ancora preferisce la piastra in ceramica.

Ceramica

Una piastra in ceramicaLa piastra in ceramica è la più comune e popolare, probabilmente perché efficace indistintamente su capello mosso crespo o riccio. Il suo costo è alla portata di tutti e le sue performance non deludono mai. Ha un buon controllo della diffusione del calore e riesce a convogliarlo in modo più omogeneo rispetto alle piastre in metallo.

Mini recensioni per una scelta perfetta!

Alcune piastre si sono distinte negli ultimi tempi sia per la loro accessibilità economica e la loro buona qualità che per la versatilità che presentano: molte piastre infatti hanno la funzione piega ondulata, che permette di risparmiare tempo e strumenti (una volta presa la mano, creare onde e pieghe mosse diventa facile ed evita l’utilizzo di un arricciacapelli). Tra queste i modelli Remington S8590 Keratin Therapy Pro e la GHD V Gold Classic Styler spiccano per le loro caratteristiche e i loro accessori. La prima garantisce una protezione del capello invidiabile, grazie al sensore Heat Protection, ha una funzione turbo boost e cinque valori di temperatura diversi. La seconda invece è un gioiellino del design, sia nell’aspetto estetico che nella funzionalità: interamente dorata, con impugnatura ergonomica, è studiata per i parrucchieri ma nell’uso amatoriale è perfetta, semplice, dotata di spegnimento automatico di sicurezza, ha una scorrevolezza senza pari, consente una piega morbida e piacevole, il tutto grazie alla ceramica di qualità superiore utilizzata per questo modello.

Tra le piastre che si distinguono per le loro particolarità c’è senza’altro la Remington S7200: questo modello è l’unico che permetta una stiratura a capello umido. Grazie a una tecnologia innovativa riduce i tempi della beauty routine quotidiana dei capelli, facendoci risparmiare il tempo dell’asciugatura.

Anche la piastra Philips ProCare presenta interessanti novità rispetto alle sue “colleghe”: le sue piastre in ceramica sono vibranti, e il loro movimento aiuta a compattare le ciocche rendendo la piega finale più voluminosa e uniforme.

Ma il primato assoluto dell’originalità e dell’innovazione va ad Agave Vapo Ion, la piastra che vaporizza molecole di agave (pianta dalle spiaccate proprietà emollienti, stretta parente dell’Aloe) che unite alla tecnologia ionizzante permettono un’idratazione perfetta del capello, che reintegra i sali minerali direttamente con l’apporto dell’estratto vegetale.

La tecnologia applicata al campo della bellezza e della cura dei capelli è in continuo perfezionamento: finalmente possiamo sfatare il mito della piastra che rovina i capelli. Queste meraviglie tecnologiche si prendono cura delle nostre chiome, diventando le nostre più fedeli alleate, specie nei giorni di pioggia in cui domare il crespo sembra impossibile!

[Fonte]